• 19/06/2024

Asta navigabile: una nuova risorsa

 Asta navigabile: una nuova risorsa

Asta navigabile – Robigo Mantova

Asta navigabile: una nuova risorsa per il Paese, quali opportunità dall’ottimizzazione del sistema idroviario del Nord Italia

Lunedì 3 giugno, ore 10.00 all’Interporto di Rovigo, l’evento di presentazione del Position Paper

di Confindustria Veneto Est con The European House – Ambrosetti, in collaborazione con Regione del Veneto, Infrastrutture Venete, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Confindustria Mantova, Interporto di Rovigo, Province di Rovigo e di Mantova

 Intervengono fra gli altri il Viceministro Edoardo Rixi, Elisa De Berti, Leopoldo Destro, Fulvio Lino Di Blasio, Enrico Ferrarese, Alessandra Ferrari, Alessandra Grosso

Il settore dei trasporti è al centro della transizione e degli obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione Europea che vuol far crescere del 25% il trasporto idroviario per raggiungere i target. In Italia il sistema idroviario incide solo per lo 0,1% dei volumi di merci trasportate, rispetto alla media Ue (5,6%) e ai Paesi benchmark (Paesi Bassi, Germania, Belgio) che ne hanno sfruttato al meglio le potenzialità.

In questo scenario, il sistema idroviario di trasporto del Nord Italia, grazie al suo potenziale supporto ai target di decarbonizzazione, si trova dinanzi ad una opportunità di rinascita.

Il valore del collegamento idroviario per il sistema-Paese, le opportunità economiche, occupazionali e ambientali attivabili dall’ottimizzazione dell’Asta navigabile dell’Alto Adriatico e del trasporto fluvio-marittimo padano-veneto, i colli di bottiglia infrastrutturali e normativi e le azioni-chiave per il suo rilancio, sono analizzati e quantificati per la prima volta nel Position Paper “ASTA NAVIGABILE: UNA NUOVA RISORSA PER IL PAESE.

Quali opportunità offerte dall’ottimizzazione e l’efficientamento del sistema idroviario del Nord Italia” realizzato da The European House – Ambrosetti per Confindustria Veneto Est, in collaborazione con Infrastrutture Venete Srl, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Confindustria Mantova, Interporto di Rovigo, Provincia di Rovigo e Provincia di Mantova.

 L’evento di presentazione del Position Paper si terrà lunedì 3 giugno 2024, alle ore 10.00 all’Interporto di Rovigo (Via delle Industrie, 53).

Aprirà i lavori Paolo Armenio, Vicepresidente Confindustria Veneto Est con delega al Territorio di Rovigo. Il Position Paper sarà presentato da Benedetta Brioschi, Partner The European House – Ambrosetti.

Seguiranno gli interventi di Leopoldo Destro, Presidente Confindustria Veneto Est e Delegato Confindustria ai Trasporti e alla Logistica, Enrico Ferrarese Presidente Provincia di Rovigo, Alessandra Ferrari Presidente Interporto di Rovigo, Alessandra Grosso Direttore Generale Infrastrutture Venete.

Quindi la tavola rotonda con Elisa De Berti, Vicepresidente e Assessore ai Lavori pubblici, Infrastrutture e Trasporti Regione del Veneto, Fulvio Lino Di Blasio, Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Alberto Lisatti, Presidente Unione Navigazione Interna Italiana (UNII), Moreno Massetti Fagioli SpA.

Le conclusioni saranno affidate ad Edoardo Rixi, Viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Conduce i lavori Fiammetta Benetton.

«Per l’industria italiana e veneta, fortemente orientata all’export, trasporto e logistica rappresentano vere e proprie leve di competitività – dichiara Leopoldo Destro, Presidente Confindustria Veneto Est e Delegato Confindustria ai Trasporti e alla Logistica -.

In questo contesto, il sistema delle vie navigabili interne padano-venete, riconosciuto come parte delle reti transeuropee multimodali (TEN-T), insieme alle infrastrutture logistiche, come ad esempio gli interporti, si può ben considerare un patrimonio il cui potenziale, in fatto non solo di trasporti, ma anche in ambito economico, ambientale e turistico è amplissimo e da valorizzare.

Anche in funzione della ZLS e dei distretti produttivi a valle dell’asta navigabile del fiume Po e, guardando al futuro, dell’Hydrogen Valley».

«Crediamo con forza nello sviluppo di queste straordinarie strade ed autostrade d’acqua dell’area compresa tra Rovigo e Mantova – aggiunge Paolo Armenio, Vicepresidente Confindustria Veneto Est -.

Per capire se l’investimento necessario a potenziarle avesse senso, abbiamo incaricato The European House – Ambrosetti di effettuare uno studio sull’impatto economico e ambientale che questo potenziamento potrebbe avere sul territorio e sull’intero sistema del Nord Italia. I dati emersi sono molto interessanti.

Lunedì prossimo li presenteremo in anteprima al Governo e alla Regione, agli stakeholder e alla comunità insieme alle proposte per rilanciare il settore idroviario nazionale e il sistema padano-veneto».

Leggi altro su Opportunità di Business – Nuove Opportunità

 

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche