• 18/06/2024

Cherry Bank e portafoglio di crediti NPL

 Cherry Bank e portafoglio di crediti NPL

Laura Gasparini – Cherry Bank

NPL, Cherry Bank nel 2023 ha comprato 2,7 miliardi di Euro di crediti deteriorati. Perfezionato acquisto di portafoglio da oltre 864 milioni sul mercato secondario

Cherry Bank – banca con sede a Padova specializzata in servizi di supporto alle imprese, creazione di valore dalla trasformazione di portafogli NPL, all’acquisto di crediti fiscali e nel comparto del Wealth Management – ha acquisito un significativo portafoglio di crediti Non Performing (NPL) per un valore lordo complessivo di oltre 864 milioni di Euro nel mercato secondario tramite un primario operatore del mercato europeo.

Tale portafoglio, corrispondente ad oltre 2.000 esposizioni debitorie e 6.000 linee, è principalmente composto da crediti Non Performing Unsecured, tra cui finanziamenti e scoperti di conto corrente, e circa il 70% di questi è rivolto a società di capitali.

Quest’ultima acquisizione si aggiunge ad altre recenti operazioni che hanno permesso a Cherry Bank di consolidare ulteriormente la presenza nel settore NPL. Nel corso del 2023 sono stati infatti conclusi otto accordi di acquisto portafogli per un valore nominale complessivo di circa 2,7 miliardi di Euro, acquisiti prevalentemente nel mercato secondario. Complessivamente dall’inizio dell’operatività, nel 2019, Cherry Bank ha acquisito portafogli NPL per 6,6 miliardi di euro.

Laura Gasparini, Responsabile Market & Investments di Cherry Bank ha dichiarato «Con l’acquisto di questo portafoglio di quasi 1 miliardo di Euro, Cherry Bank conferma il proprio costante impegno nel comparto NPL, evidenziando una forte propensione ad investire in nuovi portafogli e a stabilire partnership di lungo termine con operatori complementari. Guardiamo con fiducia al futuro, continuando a essere un attore chiave e proattivo nel dinamico mercato finanziario legato al mondo NPL».

Leggi altro su Primo Piano

www.cherrybank.it

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche