• 20/05/2024

La conduzione familiare migliora l’EBITDA

 La conduzione familiare migliora l’EBITDA

The European House Ambrosetti

Imprese, conduzione familiare migliora l’EBITDA 

Nel decennio 2011-2020 le aziende familiari hanno registrato un margine operativo lordo superiore di oltre tre punti percentuali rispetto alle controparti industriali

The European House-Ambrosetti ha presentato nella sede del San Marco Group l’analisi su 1000 imprese familiari quotate. Nel decennio 2011-2020 hanno dimostrato una resilienza notevole, registrando un margine operativo lordo superiore di oltre tre punti percentuali rispetto alle controparti industriali

Nel decennio 2011-2020 le aziende familiari hanno dimostrato una resilienza notevole, registrando un margine operativo lordo superiore di oltre tre punti percentuali rispetto alle controparti industriali. Un’analisi su mille imprese familiari quotate globalmente rivela anche un punteggio ESG più favorevole rispetto alle aziende non familiari. Tuttavia, la governance rimane un’area critica, evidenziando la necessità di strategie mirate per ottimizzare la presa di decisioni.

Queste sfide hanno catalizzato l’iniziativa “Una governance eccellente, pilastro fondamentale per il successo sostenibile: casi ed esperienze a confronto”, organizzata da The European House Ambrosetti e ospitato da San Marco Group. L’evento ha messo in luce l’importanza della governance nelle imprese familiari, che costituiscono oltre il 90% del panorama imprenditoriale italiano, sottolineando la gestione della convivenza generazionale e il rapporto famiglia-impresa.

I dati sono stati stati presentati a Marcon (Venezia), dove si è tenuto l’evento con la partecipazione di figure chiave dell’economia del Nord Est, tra cui Pietro Geremia (San Marco Group), Michele Bauli (Bauli S.p.A.), Alessandro Lunelli (Ferrari F.lli Lunelli S.p.A.), e rappresentanti di The European House Ambrosetti.

I dati presentati hanno evidenziato l’urgenza di creare una governance che punti alle eccellenze, integrando figure indipendenti di spicco nel consiglio di amministrazione. “La governance è il pilastro più importante del successo sostenibile – ha evidenziato Luca Petoletti, partner of The European House – Ambrosetti dal 2011 -. Un sondaggio da noi effettuato su investitori che gestiscono 18.400 miliardi di euro l’ha identificata come secondo elemento più importante in assoluto per valutare se investire in una società non quotata; inoltre le aziende che si strutturano in termini di governance raggiungono una crescita doppia rispetto alle altre (+34% di ricavi verso il +18%)”.

La discussione durante l’incontro si è concentrata poi sui pilastri del successo sostenibile: dalla convivenza generazionale alla qualità della leadership, passando per la strutturazione del cda, fino alla pianificazione strategica.

Questi elementi sono essenziali per garantire una crescita sostenibile e duratura, soprattutto in un periodo in cui le imprese familiari sono chiamate a navigare in contesti sempre più complessi e competitivi.

L’azienda veneziana San Marco Group è leader in Italia nella produzione e distribuzione di pitture e vernici per l’edilizia professionale. Con un portafoglio di 6 marchi di proprietà forte e ben bilanciato, il gruppo si è evoluto in oltre 80 anni di storia grazie alla lungimirante visione della famiglia Geremia, fino a diventare un punto di riferimento a livello nazionale e internazionale. Presente in oltre 100 Paesi, San Marco Group è una realtà italiana di successo in costante espansione.

Recentemente l’azienda ha sottoscritto una partnership con Fondazione Cini. Questa collaborazione è nata nell’ambito degli studi preliminari per il restauro dei Chiostri nell’Isola di San Giorgio Maggiore dove il gruppo ha eseguito le analisi stratigrafiche delle pareti e quelle chimiche degli intonaci.

Nel periodo tra il 2023 al 2025 si prevede la realizzazione di tre importanti progetti. Il primo progetto, che sarà completato entro la primavera del 2024, riguarda il celebre facsimile de Le Nozze di Cana di Paolo Veronese (1562).

“La sinergia con Fondazione Cini testimonia l’impegno condiviso per lo straordinario patrimonio di un contesto al quale siamo profondamente legati – dichiara Pietro Geremia, presidente e ad di San Marco Group -.

Rappresenta inoltre un’opportunità unica per contribuire attivamente alla promozione di un accesso più ampio a risorse di alto valore, con l’obiettivo di favorire lo studio e la conservazione delle opere d’arte”. San Marco Group sosterrà una borsa di studio di 12 mesi finalizzata alla realizzazione di un software e un’app per dispositivi mobili. Lo scopo è permetterne la fruizione autonoma anche da parte di un pubblico con ridotte capacità visive.

Veneto Economy-Conduzione familiare migliora l’EBITDA
da SX Chiara Casarin, Renata Codello, Mariluce Geremia e Antonella Meninato

 

 

Leggi altro su Primo Piano

Nicola Brillo

Nato a Venezia (1976), laurea in giurisprudenza, giornalista professionista. Ha maturato esperienza in quotidiani e periodici economico-finanziari.

ADV

Leggi anche