• 20/05/2024

Decreto flussi: 1000 quote a Rovigo

 Decreto flussi: 1000 quote a Rovigo

Il Presidente Carlo Salvan

1000 quote a Rovigo con il “Decreto flussi” , Coldiretti Rovigo: “Il nostro settore è fortemente dipendente dal contributo dei lavoratori stranieri

Auspichiamo che i tempi della burocrazia siano più conciliabili con i tempi della campagna”

Il cosiddetto ‘Decreto flussi’ permette alle aziende agricole di reperire la manodopera mancante in Italia e che può provenire da altri Paesi in maniera regolare; nel 2023 sono state 1000 le quote concesse alla nostra provincia.

Ad assistere le aziende in questa operazione anche l’associazione di categoria Coldiretti Rovigo.  “Il nostro è un settore che resta ancora fortemente dipendente dal contributo di lavoratori esteri – spiega Carlo Salvan, presidente Coldiretti Rovigo –.

Tale manodopera è necessaria soprattutto per coprire il lavoro stagionale che in particolare si concentra nel periodo estivo di raccolta. Il decreto flussi è un’opportunità per gli ingressi delle persone che viene garantita da procedure regolari.

Auspichiamo, però, che in futuro i tempi della burocrazia siano più conciliabili con i tempi della campagna: in agricoltura si devono rispettare la stagionalità e i picchi di lavoro, – prosegue Salvan -. Speriamo che le quote affidate dalle procedure del Decreto 2023, circa 1000, siano sufficienti per sopperire alle richieste di fatto indispensabili per il funzionamento di alcuni settori come ortofrutta e vivai.

In Polesine questi lavoratori arrivano principalmente da Marocco, India e Pakistan. Nel frattempo, sono stati attivati canali diretti con le Ambasciate di questi Paesi per ridurre i tempi di scambio documentazione in modo da assumere i lavoratori applicando, sempre, tutte le tutele necessarie e, allo stesso tempo, soddisfacendo la richiesta delle aziende agricole nei tempi consoni”.

Inoltre, secondo i dati di Unioncamere-InfoCamere aggiornati al 30 giugno 2023 sulle imprese straniere iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio segna un +28% la crescita di stranieri alla guida delle imprese agricole negli ultimi cinque anni.

La forte crescita della presenza di titolari stranieri è in netta controtendenza rispetto alla riduzione generale del numero di imprese agricole condotte da italiani che si è verificata negli ultimi anni. Sono 20175 le imprese agricole condotte da stranieri in Italia distribuite in maniera abbastanza eterogenea sul territorio nazionale.

 

Fonte: Coldiretti Rovigo

Leggi altro in Primo Piano

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche