• 18/05/2024

Ecco Cardinal, tech company padovana

 Ecco Cardinal, tech company padovana

Federico Costa

Ecco Cardinal, tech company padovana che aiuta imprese e professionisti ad innovarsi grazie alla tecnologia più sicura del momento

Una sola missione: semplificare e rendere la tecnologia accessibile

L’obiettivo è quello di semplificare la gestione dei processi di startup e aziende, grazie all’uso della blockchain, dotando le idee ed i prodotti della giusta tecnologia per svilupparsi sul mercato

In questi ultimi anni, è innegabile come le imprese italiane, dalle PMI fino alle grandi corporate, abbiano alzato l’interesse verso l’introduzione al loro interno della tecnologia blockchain, un database che gestisce insiemi di dati (o transazioni) proteggendoli con la crittografia. In Italia, gli investimenti in blockchain sono arrivati a quota 42 milioni di euro nel 2022, registrando un aumento del 50% rispetto all’anno precedente.

La blockchain inizia a rappresentare il presente: le aziende grazie ad essa hanno cambiato il modo in cui navigano su internet, come certificano i loro prodotti e addirittura come effettuano i pagamenti. L’inserimento di questa tecnologia ha permesso di gestire e aggiornare, in modo sicuro, un registro digitale di dati e informazioni, come ad esempio le transazioni, in maniera trasparente, condivisa e senza intermediari che controllino e verifichino le operazioni.

È uno degli strumenti più potenti in termini di sicurezza che consente alle aziende di certificare, scambiare informazioni, detenere asset e partecipazioni aumentando sicurezza e valore per i propri clienti.

E proprio dalla progettazione di esperienze distintive incentrate sull’utente, dando forma al modo in cui interagiamo con le tecnologie, che nasce Cardinal, tech company e venture studio fondata a Padova, specializzata nello sviluppo di applicazioni che utilizzano la tecnologia Blockchain e Web3.

Gestire la nascita e lo sviluppo di un’idea è difficile. L’obiettivo è quello di semplificare questo processo, aiutando startup e aziende a dotare le proprie idee e prodotti della giusta tecnologia per svilupparsi sul mercato.

“Quello a cui stiamo puntando – spiega Federico Costa, CEO di Cardinal – è diventare un punto di riferimento, un centro di competenza riguardo alla ricerca e sviluppo di tecnologie blockchain e web3 sul nostro territorio, ma non solo. Queste tecnologie coinvolgeranno nei prossimi anni il 90% delle aziende nel mondo, modificando le modalità di lavoro e rivoluzionando le potenzialità del business”.

 Welfare, team building e volontariato: la sfida all’innovazione di Cardinal

Dallo sviluppo del prototipo di una applicazione software alla sua consegna, la gestione del ciclo di vita di un prodotto digitale richiede capacità analitiche e tecniche, oltre a qualità manageriali versatili. Ma non è tutto, fondamentale è la presenza di un team di lavoro bene integrato, mosso da passione ed entusiasmo in grado di sostenere lo sviluppo tecnologico per l’intera durata del progetto.

Per mantenere vivo l’interesse, occorre ricercare nuove dinamiche lavorative e nuove esperienze di team building. Per questo, ogni membro del team è chiamato a partecipare attivamente all’organizzazione del lavoro, a suggerire interventi di miglioramento tecnico e metodologico. Mentre, per aumentare il coinvolgimento e l’interesse a velocizzare il completamento dei task, si ricorre al potere del gioco, per rendere l’esperienza di lavoro più interessante e partecipata, anche grazie ai meccanismi di premio.

Inoltre, Cardinal ha deciso di coinvolgere i team di lavoro in nuove esperienze di sensibilizzazione sociale tramite il volontariato aziendale. Cardinal, in sinergia con il CSV di Padova e Rovigo, ha istituito all’interno della propria organizzazione due giornate dedicate proprio a questo tipo di attività.

Una donata dal dipendente come giorno di ferie e una supportata dall’azienda stessa. Alcuni esempi su tutti portati termine: la pulizia dai rifiuti di Prato della Valle a Padova – la piazza più grande d’Europa – e il prendersi cura di animali abbandonati presso una fattoria locale. Un momento, quindi, per portare un aiuto al territorio, attraverso la sinergia con le associazioni che se ne occupano, dando un impatto alla stessa comunità.

Il progetto Freename: ad ogni azienda il proprio dominio

In parallelo, c’è poi il progetto Freename, startup co-fondata dallo stesso Federico Costa, che consente, proprio grazie all’uso della tecnologia Web3, di diventare proprietari di un dominio di primo livello, come i più conosciuti .it e .com. Ogni azienda, può quindi avere un dominio personalizzato e correlato al proprio brand. E con esso, accettare pagamenti, guadagnare sui domini registrati e ad una serie di funzionalità che i normali domini web non possono offrire.

Uno sguardo in avanti: nuove assunzioni, mentoring e collaborazioni con l’estero

Attualmente in Cardinal lavorano 20 persone, in modalità di lavoro ibrido, con giornate da remoto ed in presenza. Un team multidisciplinare: ad ogni progetto, dal prototipo alla consegna, è assegnato un gruppo di persone composto da tech lead, UX/UI designer, project manager, sviluppatori backend/frontend e tester. Tutto questo, di pari passo, vedrà allargare il team di lavoro con nuove assunzioni per favorire lo sviluppo tecnico e commerciale.

Tre le nuove figure richieste: la ricerca dei talenti si concentrerà in ambito informatico su un Project Manager, uno UX Researcher, ossia il ricercatore in user experience che indaga sistematicamente il comportamento degli utenti e delle loro esigenze, al fine di aggiungere valore alla loro esperienza d’uso con il prodotto finale.

E in aggiunta, un Business Developer. Candidature a: https://cardinal.solar/careers/

La sfida dei prossimi mesi sarà quella di lanciare la prima versione di un prodotto o servizio sviluppato da un prototipo, su progetti interni e, una volta validato, renderlo una startup. Inoltre, si guarda anche verso l’ampliamento delle collaborazioni verso l’estero, puntando all’internazionalizzazione. Non tralasciando la presenza di un forte network con università ed organizzazioni, per coinvolgere gli studenti in programmi di mentoring, avvicinandoli al mondo del lavoro, con lo scopo di far loro sviluppare questo tipo di competenze.

Cardinal

Cardinal nasce nel 2022 da un’idea di Federico Costa, founder e CEO, con l’intento di sviluppare applicazioni utilizzando la blockchain. Rivoluzionando le aziende grazie all’uso di web3, della blockchain e delle community. Tra le collaborazioni Hitachi Energy, Amplia, Young Platform e la stessa Freename, della quale è co-fondatore e CTO. È finanziatore tra le altre cose anche di un fumetto dedicato ai temi dell’innovazione: Tobo (https://tobo.solar).

Realizzato dalla creatività di Luca Cirio, Marco Locati e Jacopo Paliaga, questa graphic novel in chiave moderna, racconta attraverso dei disegni, tutto quello che è il nostro tempo, inteso come progresso tecnologico e le sfide sociali, ambientali e tecnologiche della nostra attualità.

 

Leggi altro in Primo Piano

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche