• 15/04/2024

HiRef chiude il 2023 a 126 milioni di euro

 HiRef chiude il 2023 a 126 milioni di euro

Il gruppo HiRef chiude il 2023 a 126 milioni di euro, l’azienda padovana sbarca a Johannesburg, città più popolosa del Paese

Condizionamento industriale hi-tech: HiRef, export a quota 42 milioni di euro aperta una nuova sede in Sudafrica

Alberto Salmistraro, AD di HiRef: «La nostra spinta tecnologica e la capacità di adattarci ad un mercato in rapida e costante evoluzione si sposa perfettamente con le peculiarità di un territorio, quello sudafricano, che sta vivendo una forte crescita»

 

VENETO ECONOMY-HiRef chiude il 2023 a 126 milioni di euro
Alberto Salmistraro

È una delle principali potenze economiche del continente africano, con un Prodotto Interno Lordo di 406 miliardi di dollari e una grande concentrazione di aziende tecnologiche: così HiRef, una delle realtà più innovative nel settore del condizionamento industriale, ha aperto una sede in Sudafrica, a Johannesburg, la città più popolosa.

L’apertura di HiRef Sudafrica rappresenta per l’azienda che ha sede a Tribano, in provincia di Padova, la conferma dell’attenzione per un mercato in costante crescita e, in generale, per i nuovi mercati fuori dall’Italia.

Dei 71,2 milioni di euro di chiusura fatturato del 2023 da parte di HiRef (che salgono a 126 milioni di euro, +30,6% rispetto l’anno precedente, comprendendo anche gli spin-off Eneren, Tecnorefrigeration, It.Met, Ecat, Hiref Engineering e HiDew e le filiali estere) infatti, la quota di export vale 42,2 milioni di euro. Il mercato sudafricano, per HiRef, ha superato gli otto milioni di euro negli ultimi due anni.

«L’apertura di una sede in Sudafrica è la naturale evoluzione della forte attenzione che riscontriamo in un territorio fortemente innovativo – spiega Alberto Salmistraro, amministratore delegato di HiRef –. La nostra spinta tecnologica e la capacità di adattarci ad un mercato in rapida e costante evoluzione si sposa perfettamente con le peculiarità di un territorio, quello sudafricano, che sta vivendo una forte crescita.

Un territorio che HiRef presidia ormai da vent’anni, un mercato che via via si è dimostrato sempre più florido, e sul quale abbiamo deciso di accelerare. Continuiamo così sulla strada, ben segnata, dell’internazionalizzazione, portando la nostra tecnologia in nuovi mercati, come il continente africano e l’America Latina».

Un Paese in forte crescita

Il Sudafrica si sta rivelando un mercato di espansione florido per le aziende italiane: l’export dall’Italia supera ormai, da qualche anno, i due miliardi di euro. Dal 2010 il Sudafrica fa parte dei Paesi Brics (con Brasile, Russia, India e Cina), un gruppo che mette insieme le economie in forte crescita. Un’espansione costante: il tasso di crescita del PIL previsto per il 2024 si attesta sul +1,8%.

Soluzioni ad alta sostenibilità

HiRef, azienda nata nel 2001, propone impianti di condizionamento di precisione per infrastrutture tecnologiche, per il condizionamento dei processi industriali e per il settore terziario, offrendo soluzioni efficaci e all’avanguardia in grado di favorire la sostenibilità economica e ambientale.

L’azienda si rivolge al mercato italiano e a quello internazionale, attraverso una rete di vendita composta da agenzie, distributori e filiali commerciali oltre che un forte network di dealer presenti in Europa, America Latina e Africa.

Il gruppo conta in totale 380 dipendenti. Viene posta particolare attenzione allo sviluppo dei talenti e delle competenze, collaborando con numerose università per condurre ricerche e tesi di laurea. Sei laureati su dieci scelgono di rimanere, creando così un gruppo giovane e dinamico, la cui età media è di 38 anni.

VENETO ECONOMY-HiRef chiude il 2023 a 126 milioni di euro

Leggi altro su Primo Piano – dalle Imprese del Veneto

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche