• 24/02/2024

Inaugurazione della prima centrale termoelettrica

 Inaugurazione della prima centrale termoelettrica

Il sindaco Brugnaro a Marghera per l’inaugurazione della prima centrale termoelettrica di ultima generazione

“Un esempio del fare le cose con coraggio e in tempi rapidi. La nuova centrale Edison di Marghera è parte di quel processo tecnologico che ha casa qui a Venezia con l’obiettivo di dare una prospettiva di futuro e di lavoro al Paese intero”. Queste le parole del sindaco Luigi Brugnaro intervenuto questa mattina all’inaugurazione della prima centrale termoelettrica di ultima generazione.

Tecnologia, futuro e transizione energetica le parole chiave nel corso della cerimonia aperta dagli interventi dei vertici Edison: il presidente Mark Benayoun, l’amministratore delegato Nicola Monti e Marco Stangalino, direttore Power Asset della società. Con loro anche Fabrizio Fabbri, amministratore delegato di Ansaldo Energia. Al dibattito è intervenuto il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, nel corso della cerimonia anche un video messaggio del ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin. Presenti il prefetto di Venezia, Michele Di Bari, autorità civili e militari.

Veneto Economy - Inaugurazione della prima centrale termoelettrica

Oltre 390 milioni di investimenti, 4 anni di cantiere che hanno resistito all’emergenza pandemica e alla crisi del rialzo dei prezzi, 250 imprese coinvolte. Sono i numeri del nuovo impianto che ha una potenza pari a 780 Mw, il più alto reso disponibile ora dalla tecnologia, in grado di assicurare una riduzione delle emissioni specifiche di ossidi di azoto fino al 70 percento e di quelle di anidride carbonica fino al 30 percento.

“Per fare centrali come queste ci vuole coraggio – ha detto Brugnaro. Questa è una battaglia vera tra la gente che crede nel lavoro e nelle fabbriche e chi è contrario a tutto e alimenta la paura. Qui c’è il futuro per i nostri figli.

In questa Città le cose le realizziamo grazie a un grande tessuto imprenditoriale, ai tecnici, agli operai e alle persone che sanno che questa è l’unica modalità per poter vincere. Lo abbiamo fatto con il Mose, con il primo distributore e l’acquisto di oltre 90 autobus ad idrogeno. E continueremo a farlo, questo è il modello Venezia. Questa centrale è la più performante in Italia e una delle più avanzate al mondo, assolutamente sostenibile con una ricaduta sull’aria quasi nulla in termini di emissioni.

Veneto Economy - Inaugurazione della prima centrale termoelettrica

La nuova centrale è parte di quel processo tecnologico che abbiamo portato qui a Venezia con l’obiettivo di dare una prospettiva futura e di lavoro al Paese intero. Bisogna credere nelle fabbriche, senza di queste il Paese non può andare avanti e non ci può essere lavoro e quindi futuro per i nostri giovani. Marghera è un polo strategico che anche grazie all’inaugurazione di oggi può attrarre nuovi investimenti.

Non solo, da qui devono partire le sperimentazioni per la produzione di idrogeno e non è un caso che Venezia sia stata la prima città in Italia ad avere il primo distributore con questa tecnologia. Con la tecnologia e la scienza si può guardare al futuro e salvare le nuove generazioni. Abbiamo intrapreso la strada che ci porterà a diventare autonomi sotto il punto di vista energetico, Marghera è il posto adatto per fare le sperimentazioni che serviranno a completare la transizione energetica. E’ anche grazie a questo polo che Venezia si candida ad essere la capitale mondiale della Sostenibilità”.

Scopri di più sulla centrale 

Leggi altre storie di copertina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche