• 18/05/2024

L’Adriatico unisce i giovani di Veneto e Istria

 L’Adriatico unisce i giovani di Veneto e Istria

Foto Scuola Pola – Creators patrimonio culturale Serenissima

L’Adriatico unisce i giovani di Veneto e Istria, inaugurato oggi il progetto “Scuole di Venezia, Rovigno e Pola creators per il patrimonio culturale della Serenissima”

È stato presentato oggi, in una conferenza organizzata da Engim Veneto, il progetto “Scuole di Venezia, Rovigno e Pola creators per il patrimonio culturale della Serenissima”. In un anno verrà costruito un nuovo ponte socioculturale sull’Adriatico.

Nel saluto di indirizzo il presidente del Consiglio Regionale del Veneto Roberto Ciambetti ha detto che “è bello vedere dei giovani impegnati attorno a questa idea, perché voi siete in grado di mettere in moto l’Europa con rinnovato slancio, rinnovata voglia di fare”.

Sono intervenuti Massimiliano De Martin assessore del Comune di Venezia, David Modrusan vicesindaco di Rovigno, Bruno Cergnul vicesindaco di Pola, Marin Corva presidente Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, Franca Blandini Suran presidente Giunta Esecutiva Comunità degli Italiani di Rovigno Pino Budicin e Tamara Brussich presidente Comunità degli Italiani di Pola.

Il progetto è stato illustrato dall’autore Vittorio Baroni che ha sottolineato “il carattere transfrontaliero per costruire concretamente la cultura europea dal basso con le nuove generazioni”. Federica Zonta del Comitato direzionale di Engim, ente capofila del progetto, ha messo in evidenza che “la rete delle scuole coinvolte permette di sviluppare un efficace lavoro per tappe e con chiari obiettivi”.

Sono stati presentati gli studenti creators e i docenti con i saluti di Stefano Grandesso coordinatore Istituto Tecnico Marinelli Fonte di Venezia che opera in sinergia assieme al Cfp Cif di Venezia e il Cfp Turazza di Treviso, Ines Venier preside Scuola Media Superiore Italiana di Rovigno; Debora Radolovic preside della Scuola Media Superiore Italiana Dante Alighieri di Pola.

Gli studenti Irene Costantini e Viola Tommasi da Venezia, Kevin Cecino da Treviso, Martino Tommaso Gelleni, Cancellaro Noemi, Saina Olivotto da Rovigno ed Erik Rossanda da Pola hanno parlato in rappresentanza degli oltre 130 colleghi.

Lo scopo del progetto consiste nel creare e divulgare contenuti culturali prodotti dagli studenti sul patrimonio culturale materiale e immateriale della Serenissima. Le date di inizio e termine del progetto  richiamano due importanti eventi storici: 21 novembre 2023, Festa della Madonna della Salute (a Venezia come in Istria, da oltre quattro secoli, si festeggia la fine della peste avvenuta nell’anno 1630);    8 ottobre 2024, giorno del 930° anniversario della consacrazione a San Marco della Basilica.

 

veneto economy-L'Adriatico unisce i giovani di Veneto e Istria
Foto Scuola 2 Treviso – Creators patrimonio culturale Serenissima

I giovani sono coinvolti attivamente per realizzare, insieme allo staff del progetto, 3 mostre a Venezia, Rovigno e Pola collegate a una piattaforma partecipativa digitale online. Evento conclusivo a Venezia l’8 ottobre 2024 con la firma del gemellaggio tra le scuole. I contenuti del progetto, sostenuto dalla Legge Regionale del Veneto 39 del 2019 e sviluppato nel concept Europa Adriatica Nordest per la Capitale Europea della Cultura 2025 Nova Gorica Gorizia, vertono su: produzione e commercio, sostenibilità, arte e architettura, musica, gastronomia, etnologia.

veneto economy-L'Adriatico unisce i giovani di Veneto e Istria
Foto Scuola Rovigno – Creators patrimonio culturale Serenissima

Leggi altro su Formazione e Impresa

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche