• 15/04/2024

Lingue e letterature straniere dipartimento di eccellenza

 Lingue e letterature straniere dipartimento di eccellenza

Conferenza lingue dipartimento di eccellenza

Lingue e letterature straniere dipartimento di eccellenza – Presentazione del progetto di sviluppo quinquennale  sostenuto dal ministero dell’Università e della ricerca

Promuovere l’inclusione a livello di ricerca, didattica e infrastrutture eliminando le diversità sociali, culturali ed economiche allo scopo di superare le disparità sia all’interno sia all’esterno dell’università: sono questi, in sintesi, gli obiettivi del progetto “Inclusive Humanities” promosso dal dipartimento di Lingue e letterature straniere dell’università di Verona, che l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, Anvur, ha indicato tra i 180 dipartimenti di eccellenza italiani.

Nello specifico, il dipartimento di Lingue e letterature straniere ha ricevuto circa 6,5 milioni di euro per il suo progetto di sviluppo che durerà fino al 2027. Progetto che è stato illustrato questa mattina nella Biblioteca “Walter Busch” da Roberta Facchinetti, direttrice del dipartimento di Lingue e letterature straniere, Massimo Salgaro, docente di Letteratura tedesca e project manager, Andrea Padovan, docente di Lingua e traduzione tedesca, Giovanni Tallarico, docente di Lingua e traduzione francese, Marco Rospocher, docente di Informatica, Chiara Battisti, docente di Letteratura Inglese e Anna Cappellotto, docente di Filologia Germanica.

“Il dipartimento di Lingue e letterature straniere è stato selezionato come dipartimento di eccellenza dall’Anvur per la secondo volta” ha affermato Roberta Facchinetti, direttrice del dipartimento. “Sono giunti all’ateneo 6,5 milioni di euro che utilizzeremo nel migliore dei modi in termini di inclusione e accessibilità. Il progetto attuale si innesta sul precedente, orientato alle digital humanities, e pone come fondamenta le competenze e le conoscenze già sviluppate in precedenza, per dedicarsi questa volta alle inclusive humanities.”

Il Progetto di eccellenza 2023-2027 del dipartimento prende il titolo di “Inclusive Humanities”, per sottolineare l’impegno nel promuovere l’inclusione e superare le disparità di genere, economiche, sociali e culturali sia nei rapporti interni all’università fra docenti, fra studentesse, studenti e docenti, e il personale, sia in quelli con l’esterno, la città di Verona e il territorio. Gli obiettivi delineati nell’ambito del progetto favoriscono in particolar modo il consolidamento di una cultura accademica radicata nei principi della Diversità, dell’Equità e dell’Inclusione (DEI) e l’adeguamento delle proprie infrastrutture digitali alle più recenti linee guida in termini di accessibilità per utenti e studenti con disabilità o bisogni specifici di apprendimento (Bes). Il dipartimento intende, inoltre, implementare alcune misure per l’attuazione del Pnrr, in cui si auspica il superamento del digital divide, una maggiore innovatività delle metodologie e dei linguaggi didattici, la qualità e l’efficacia della formazione e la capacità di inclusione.

Tra le sue prime azioni, allo scopo supportare concretamente la realizzazione degli obiettivi indicati, il Dipartimento sta già realizzando la “Digital Arena for Inclusive Humanities”, un centro di ricerca interdisciplinare di eccellenza nell’ambito delle tecnologie digitali e delle analisi computazionali applicate alle lingue e letterature, con particolare attenzione all’adozione e allo sviluppo di tecnologie open-source e accessibili.

Il centro sarà dotato della strumentazione, del know-how scientifico e del personale per supportare i progetti che potrà mettere a disposizione di tutto l’Ateneo, favorendo la creazione e il potenziamento di piattaforme, strumenti digitali per l’archiviazione e l’analisi dei dati (grazie anche agli emergenti studi sull’Intelligenza Artificiale) e per la loro pubblicazione online.

Per garantire la trasversalità dei saperi e delle competenze nella realizzazione del progetto, il Dipartimento di Lingue e letterature straniere si appresta ad assumere nuovo personale docente e ricercatore anche nelle aree dell’informatica e della didattica delle lingue e letterature in prospettiva comparata.

I «dipartimenti di eccellenza» rappresentano un intervento innovativo e di forte sostegno finanziario, previsto dalla Legge di bilancio 2017. L’obiettivo è di individuare e finanziare, ogni 5 anni e nell’ambito delle 14 aree disciplinari del Consiglio universitario nazionale, i migliori 180 dipartimenti delle università statali secondo l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur). Questi Dipartimenti si caratterizzano per l’eccellenza nella qualità della ricerca e nella progettualità scientifica, organizzativa e didattica.

Sono 6 i dipartimenti dell’ateneo scaligero che riceveranno un fondo premiale per la realizzazione del proprio progetto di sviluppo scientifico e didattico. Oltre a Lingue e letterature straniere ci sono anche Biotecnologie, Diagnostica e sanità pubblica, Neuroscienze, biomedicina e movimento, Scienze chirurgiche, odontostomatologiche e materno infantili e Scienze economiche. Nel complesso l’università di Verona riceverà 45,5 milioni di euro in 5 anni.

Veneto Economy - Lingue e letterature straniere dipartimento di eccellenza
Inclusive Humanities

Leggi altro su Formazione e Impresa – dal mondo della Scuola e dell’Università

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche