• 18/05/2024

Per il Turismo fluviale legge regionale

 Per il Turismo fluviale legge regionale

Laura Cestari

Turismo fluviale, in Camera di Commercio la “prima” della nuova legge regionale 

Il 13 marzo scorso il progetto di legge numero 151 della consigliera regionale Laura Cestari è divenuto ufficialmente legge regionale 5/2024.

Il Veneto, da tempo stabilmente prima destinazione nazionale per numero di presenze, è ora anche la prima Regione italiana a disciplinare in materia di visitazione fluviale promuovendo con questo testo il riconoscimento e la sostegno di questo segmento turistico.

La presentazione ufficiale a stampa, istituzioni e stakeholder è stata ospitata venerdì 5 aprile nella sede della Camera di Commercio a Rovigo: l’evento dà idealmente il via anche ad una serie di incontri pubblici itineranti sul territorio con cui la consigliera, socia di Assonautica, illustrerà il testo della nuova legge e i suoi contenuti principali.

Nello specifico, nei prossimi due esercizi si va a intervenire concretamente con: 100mila euro per azioni di promozione; 250mila euro per riqualificazione di strutture quali attracchi e approdi o per finanziare forme di mobilità ad energia pulita e rinnovabile; 50ma euro per la Giornata regionale del turismo fluviale (individuata nella terza domenica di aprile).

La nuova legge, che pone quindi il Veneto assolutamente all’avanguardia rispetto al riconoscimento e alla “pari dignità” del comparto fluviale – una battaglia che Assonautica Acque Interne porta avanti da tempo a livello ministeriale per il suo inserimento nel cosiddetto “Piano del Mare” – ha anche un occhio di riguardo per i territori “fragili” e i Comuni più piccoli, a proposito di cui il testo contiene un emendamento ad hoc.

All’incontro erano presenti rappresentanti di vari Comuni polesani tra cui Canda, Occhiobello, Porto Viro e Trecenta, oltre a diversi imprenditori del settore nautico, locale e regionale.

DICHIARAZIONI

Il vicepresidente della Camera di Commercio di Venezia-Rovigo Michele Gambato: “Finalmente anche la navigazione interna ha un suo supporto legislativo che ne caratterizza le finalità turistiche. Un grande plauso alla Regione Veneto sia per aver legiferato in tal senso sia per aver dotato la norma di una provvista finanziaria considerato che tanto la parte ‘investimenti’ che quella ‘promozione’ hanno a disposizione importanti risorse.

Questo è anche il coronamento dell’attività svolta da Assonautica Acque Interne, nella cui azione la Camera di Commercio di Venezia-Rovigo ha sempre creduto”.

La consigliera regionale Laura Cestari: “Questa legge non ha la presunzione di risolvere i problemi della Regione Veneto ma parlando di navigazione e turismo fluviale si va ad abbracciare e accogliere una filiera molto ampia di persone.

Si tratta di una risorsa certamente da implementare guardando al resto d’Europa dove questo segmento, che non si consuma suolo nè inquina le acque, cresce del 15% ogni anno. Sulla sostenibilità ambientale il Veneto ha fatto i ‘compiti per casa’ e ora può dare esempio, quanto al Polesine il suo rapporto con l’acqua è assodato: terra di fiumi ha visto alluvioni periodiche, tra tutte quelle disastrosa del 1951. Questa legge può e vuol essere la pietra miliare per dare speranza non solo al turismo ma in genere al trasporto in acque interne”.

Il presidente della Provincia di Rovigo Enrico Ferrarese: “Con questa nuova legge, che guarda ai territori e in particolare a quelli con vocazione turistica legata alle acque interne, possiamo finalmente compiere un salto di qualità forse decisivo sul fronte della visitazione legata a green e slow.

Le bellezze del Delta unite ai nostri fiumi, i tanti chilometri di piste ciclabili già esistenti e quelli che presto lo saranno, la riserva biosfera Mab Unesco o i gorghi di Trecenta senza dimenticare le tante ville e chiese: il Polesine ha tutti gli ingredienti per farcela e provvedimenti legislativi che vanno in questa direzione non possono che risultare d’aiuto alle comunità.

Tra questa legge e il bando ministeriale per la valorizzazione dei borghi fluviali, che 17 Comuni con Fratta capofila e la Provincia a fare da coordinamento e regia si sono recentemente aggiudicati, possiamo guardare al prossimo futuro non solo con grande soddisfazione ma anche con una certa ambizione”.

Il vicepresidente di Assonautica Acque Interne Veneto ed EmiliRudy Toninato: “Come imprenditore del turismo fluviale apprezzo moltissimo l’ulteriore impegno che la  Regione Veneto ha dimostrato approvando la proposta di legge presentata dalla consigliera Cestari per lo sviluppo dei territori attraversati da corsi d’acqua navigabili.

In passato fiumi e canali  erano le principali vie di comunicazione poi sostituite dalle strade che oggi sono sovraccariche di traffico con conseguenti danni per l’ambiente e costi sociali collegati ai frequenti incidenti.

L’impegno a far riprendere un ruolo importante alle comunicazioni via acqua per i trasporti commerciali  può ridurre le emissioni di anidride carbonica e l’incidentalità stradale e per l’ambito turistico, consente nuove rilassanti esperienze di viaggio in ambiente naturale per poi visitare siti di interesse culturale collocati sulle rive o  a breve distanza dalla via d’acqua raggiungibili con modalità bike and boat”.

Fonte: Camera di Commercio di Venezia e Rovigo

 

Leggi altro su Primo Piano – in Vetrina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche