• 03/03/2024

Piano di riforestazione urbana 2024

 Piano di riforestazione urbana 2024

L’assessore Federico Benini al Giarol Grande

Al via il piano di riforestazione urbana 2024. in programma la messa a dimora 1300 alberi con il progetto “un albero per ogni neonato

È iniziato dal Giarol Grande a Porto San Pancrazio il piano di forestazione del 2024. Si tratta di 1300 piante arboree e arbustive che verranno messe a dimora dal Comune di Verona nei prossimi tre mesi per lo sviluppo degli spazi verdi urbani nell’ambito del progetto “Un albero per ogni neonato”.

Obiettivo è realizzare fasce boscate, filari, siepi arbustive in ambiti di territorio che hanno perso l’antico aspetto naturale, a causa dell’intensa urbanizzazione, o attraverso la messa a dimora di singoli alberi lungo le vie cittadine in sostituzione di quelli morti.

Le aree oggetto di piantagione.

Giarol Grande – Parco Adige Sud. Ripristino dei filari di pioppo cipressino, attraverso la messa a dimora di 30 nuove piante.

Area verde esterna Forte Gisella lungo Via Mantovana. Verrà realizzato un bosco planiziale su una superficie di circa 7.000 m² attraverso la messa a dimora di circa 1000 piante arboreo-arbustive, a completamento della forestazione eseguita nel 2017.

Interventi nelle Circoscrizioni. In programma opere di reintegro in tutte i quartieri di parte degli alberi morti nei vari parchi e vie con la messa a dimora di circa 300 piante.

Le principali specie utilizzate sono Acero campestre, Ippocastano, Carpino bianco, Frassino, Ginkgo biloba, Carpino nero, Pioppo, Ciliegio, Pero da fiore, Quercia farnia, Tiglio, Olmo, ed arbusti tipo Nocciolo, Ligustro, Prugnolo, Frangola, Viburno.

L’intervento è in attuazione alla Legge n. 113/1992 “Obbligo per il Comune di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito della registrazione anagrafica” e modificata dalla Legge n. 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”.

Fonte: Comune di Verona

 

Leggi altro su Storie di Copertina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche