• 18/06/2024

Polizze sanitarie integrative nel padovano

 Polizze sanitarie integrative nel padovano

Padova – Prato della Valle

I padovani e le polizze sanitarie integrative: tanti le vogliono, pochi le sottoscrivono

L’indagine è dell’Osservatorio Sanità di UniSalute in collaborazione con Nomisma e dice che circa sei padovani su dieci (esattamente il 58%) dichiarano di sapere perfettamente cosa sia una polizza sanitaria integrativa, mentre uno su tre (33%) dice di averne almeno sentito parlare, ma di non aver ben chiaro di cosa si tratti.


“Non ho motivo per dubitare sulla veridicità dei dati – commenta il dottor Filippo Ercolino, presidente di Sanità & Salute, il raggruppamento di Confcommercio Ascom Padova che raccoglie gli operatori della sanità privata – per cui non posso che esprimere una certa dose di preoccupazione”.


E non tanto per quel 9 per cento che dichiara, candidamente, di non sapere proprio nulla in materia, quanto piuttosto perchè
il fenomeno delle polizze sanitarie non potrà che aumentare nel breve e nel medio termine.

Veneto Economy - Polizze sanitarie integrative nel padovano
“Di per sé non è una cosa negativa che il cittadino pensi a tutelarsi – continua Ercolino – ma è la motivazione che spinge il cittadino a farlo che deve, se non altro, mettere sull’avviso, e la motivazione si trova nella sostanziale sfiducia che nutre nei confronti del sistema sanitario nazionale”.


Però
nonostante questo, nel campione interrogato dalla ricerca, solo il 12% ha già sottoscritto personalmente una assicurazione sanitaria.
“Significa che vige la legge del “vorrei, ma non posso”, ovvero: a tutti piacerebbe essere “coperti”, ma “coprirci” costa e in tanti non hanno la possibilità di permettersi la polizza”.


Soluzioni?


“Se partiamo dal presupposto che la salute – conclude Ercolino – è un bene primario (forse “il” bene primario), allora dobbiamo per forza di cose sostenere con forza che
oggi più che mai deve essere avviato un dialogo tra Servizio Sanitario Nazionale e strutture private per trovare un nuovo setting organizzativo che valorizzi l’accesso ai servizi in forma convenzionata”.

 

Leggi altre notizie in primo piano

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche