• 13/07/2024

Previsioni assunzioni a Venezia e Rovigo

 Previsioni assunzioni a Venezia e Rovigo

Giugno-agosto 2023: le imprese prevedono 30.300 assunzioni a Venezia e 5.200 a Rovigo. Rispetto al 2022 crescono a Venezia e calano a Rovigo

Frena la tendenza ottimistica, registrata nei mesi scorsi, delle imprese che intendono assumere nuovo personale. Nonostante a Venezia si intendano assumere 770 persone in più, tra giugno e agosto, rispetto al 2022, il mese di giugno segna una battuta di arresto in entrambe le province. Saranno, infatti, 14.110 le nuove assunzioni previste a Venezia (640 entrate in meno rispetto allo stesso mese del 2022) e 2.060 le nuove assunzioni previste a Rovigo, in calo di 290 unità rispetto a giugno 2022.

A Rovigo cala anche il dato previsionale del trimestre: le nuove assunzioni previste tra giugno e agosto saranno 5.200, in calo di 680 unità rispetto all’anno precedente. La tendenza dei dati di Venezia e Rovigo è in linea con il dato regionale veneto: le entrate in Veneto saranno 51.640 nel mese di giugno (-520 su giugno 2022) e 126.730 tra giugno e agosto (-520 su giugno-agosto 2022).

Le imprese dimostrano forte interesse ad assumere giovani under 30: in entrambe le province i giovani rappresentano il 35% dei nuovi ingressi.

Nel 18% dei casi, a Venezia, e nel 20% dei casi, a Rovigo, le aziende prevedono di assumere con contratti stabili a tempo indeterminato o di apprendistato. Per contro, l’82% delle nuove entrate a Venezia e l’80% delle nuove entrate a Rovigo avverrà con contratti a tempo determinato o di altro tipo.

Solo il 7% delle entrate a Venezia e l’8% a Rovigo saranno destinate a personale laureato.

Si abbassano rispetto al trimestre precedente le percezioni di difficoltà nel reperire il personale desiderato: a Venezia gli imprenditori prevedono di avere difficoltà nella ricerca nel 47,5% dei casi (52% marzo-maggio 2023) e a Rovigo nel 52,2% (56% marzo-maggio 2023).

I settori in cui sono previste maggiori entrate sono:

  • A Venezia: servizi di alloggio e ristorazione e servizi turistici (6.040 assunzioni previste a giugno 2023 e 12.550 tra giugno e agosto 2023) seguiti dal commercio (2.000 assunzioni previste a giugno 2023 e 4.110 tra giugno e agosto 2023);

  • A Rovigo: servizi alle persone (350 assunzioni previste a giugno 2023 e 700 tra giugno e agosto 2023) seguiti dai servizi di alloggio e ristorazione e servizi turistici (320 assunzioni previste a giugno 2023 e 740 tra giugno e agosto 2023).

DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE

“Nel periodo estivo – dichiara il Presidente della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Massimo Zanon – i servizi di alloggio e ristorazione ed i servizi turistici sono quelli che più cercano personale data la vocazione turistica delle due province, in particolare di Venezia.

I dati sono in leggera flessione rispetto al 2022, tuttavia, è confortante che gli imprenditori prevedano di assumere con meno difficoltà che nei mesi precedenti. Si prospetta una stagione turistica assolutamente interessante, con le spiagge già piene nei weekend soleggiati delle scorse settimane.

Per quanto riguarda la nostra Camera di Commercio continueremo a promuovere gli ITS – Istituti Tecnici Superiori – in particolare l’ITS sul Turismo che, in provincia di Venezia, si trova a Jesolo e mai come oggi può essere un punto di riferimento per la formazione specializzata di personale da inserire nelle strutture ricettive di tutta la costa adriatica veneta da San Michele al Tagliamento fino al Delta del Po.”

Ricordiamo, infine, che i dati e le informazioni presenti nel Bollettino Excelsior derivano dall’indagine Excelsior realizzata da Unioncamere in accordo con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro. L’indagine è inserita nel Programma Statistico Nazionale (UCC-00007) tra quelle che prevedono l’obbligo di risposta. Dal 2017 si svolge con cadenza mensile. Le informazioni presentate sono state acquisite nel periodo 26 gennaio 2023 – 13 febbraio 2023, tramite apposite interviste effettuate su un campione di 116.000 imprese (a livello nazionale).

Veneto Economy - Assunzioni prevista a Venezia e Rovigo

VENEZIA

A Venezia e provincia il 22% delle aziende che hanno risposto al questionario dichiara l’intenzione di voler assumere personale nel mese di giugno 2023. Le entrate si concentreranno per l’86% nel settore dei servizi ed il 68% delle entrate riguarda imprese con meno di 50 dipendenti. Il 19% delle imprese, infine, prevede di assumere personale immigrato.

Il settore in cui sono previste più assunzioni a giugno 2023 si conferma essere il settore dei servizi di alloggio-ristorazione-turismo con 6.040 assunzioni (12.450 entrate previste nel periodo giugno-agosto 2023). Seguono il commercio con 2.000 entrate previste (4.110 giugno-agosto 2023), i servizi operativi di supporto alle imprese e alle persone con 1.400 entrate (3.210 giugno-agosto 2023), i servizi alla persona con 1.380 entrate (2.630 giugno-agosto 2023) e i servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio con 860 assunzioni previste (2.080 giugno-agosto 2023).

Per una quota pari al 59% delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore. Le figure con più difficoltà di reperimento sono legate all’area aziendale tecnica e della progettazione (53% di difficoltà di reperimento), all’area di produzione di beni ed erogazione del servizio (50,1%) ed alle aree della logistica (47,2%) e della direzione e servizi generali (47,2%).

Le entrate previste per tipo di profilo saranno:

  • per il 51% professioni commerciali e dei servizi,

  • per il 15% operai specializzati e conduttori di impianti,

  • per il 9% dirigenti, specialisti e tecnici,

  • per l’8% impiegati,

  • per il 17% profili generici.

Il 7% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato, il 23% a personale con il diploma di scuola media superiore, il 28% a personale con qualifica o diploma professionale e il 42% a personale con la scuola dell’obbligo (il conteggio potrebbe non risultare pari a 100 in quanto non vengono esposti i dati relativi al livello ITS Academy – Istruzione tecnologica superiore).

ROVIGO

A Rovigo e provincia il 17% delle aziende che hanno risposto al questionario dichiara l’intenzione di voler assumere personale nel mese di giugno 2023. Le entrate si concentrano per il 68% nel settore dei servizi ed il 62% delle entrate riguarda imprese con meno di 50 dipendenti. Il 24% delle imprese, infine, prevede di assumere personale immigrato.

Il settore in cui sono previste più assunzioni a giugno 2023 è il settore dei servizi alla persona con 350 entrate (700 entrate previste nel periodo giugno-agosto 2023). Seguono i servizi di alloggio, ristorazione e servizi turistici con 320 entrate (740 giugno-agosto 2023), il commercio con 260 entrate (600 giugno-agosto 2023), i servizi operativi di supporto alle imprese e alle persone con 190 entrate (500 giugno-agosto 2023) e, infine, i servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio con 190 entrate (710 giugno-agosto 2023).

Per una quota pari al 61% delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore. Le figure con più difficoltà di reperimento sono legate all’area aziendale tecnica e della progettazione (64,4% di difficoltà di reperimento), all’area di produzione di beni ed erogazione del servizio (52,2%) ed all’area della logistica (51,2%).

Le entrate previste per tipo di profilo saranno:

  • per il 32% operai specializzati e conduttori di impianti,

  • per il 32% professioni commerciali e dei servizi,

  • per il 12% dirigenti, specialisti e tecnici,

  • per il 5% impiegati,

  • per il 19% profili generici.

L’8% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato, il 29% a personale con il diploma di scuola media superiore, il 20% a personale con qualifica o diploma professionale ed il 43% a personale che ha frequentato la scuola dell’obbligo.

Per maggiori informazioni è possibile consultare i dati nazionali ed i bollettini locali a questo link.

CCIAA Venezia Rovigo

Leggi altro sull’economia del Veneto

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche