• 15/04/2024

Sicurezza sul lavoro – l’intervento del presidente di Ance Veneto

 Sicurezza sul lavoro – l’intervento del presidente di Ance Veneto

Paolo Ghiotti Presidente Ance Veneto

Sicurezza sul lavoro – Ghiotti (Ance Veneto): “No alla nascita indiscriminata di nuove imprese senza esperienza e con solo obiettivo il profitto. Serve salto culturale”

Ance continua a ribadire la necessità di selezionare le imprese, che non possono nascere indiscriminatamente. Non è possibile andare in Camera di commercio, aprire una partita iva, prendere a noleggio un camioncino e definirsi imprenditori edili. Ecco perché come Ance Veneto continuiamo a insistere sulla necessità di una qualificazione delle imprese. Serve un salto culturale, dobbiamo capire che la prevenzione è fondamentale”. Così il presidente di Ance Veneto Paolo Ghiotti commenta i dati diffusi dallo Spisal di Padova e riflette in occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro che è ricorsa il 28 aprile.

In particolare, preoccupa il dato relativo all’aumento delle sanzioni, in base al quale emerge che un terzo dei cantieri non è in regola – prosegue Ghiotti -.
Ovviamente quando i cantieri non sono a norma è più facile che possano verificarsi infortuni, anche mortali, in un’attività come la nostra che è particolarmente difficile e pericolosa. Proprio per questo sono indispensabili attenzioni e professionalità, che non possono essere lasciate al caso. È auspicabile che lo strumento delle notifiche preliminari funzioni per tutte le province del Veneto e venga utilizzato al meglio per avere un maggior controllo dei cantieri aperti sul territorio”.

Nel 2022 c’è stato un forte aumento del lavoro nel nostro settore e di conseguenza sono nate tante imprese – continua il presidente di Ance Veneto -, ma troppo spesso si tratta di imprese nate dall’oggi al domani. Imprese che, pur non volendo generalizzare, spesso hanno come unico obiettivo il profitto. E questo purtroppo comporta la perdita del rispetto verso la persona, verso la cultura del lavoro e anche verso la committenza”.

La sicurezza non deve essere vista come un impedimento e un maggior costo, ma piuttosto come un risparmio economico, perché lavorare in sicurezza fa lavorare meglio, con maggior tranquillità, con professionalità, con qualità e questo porta anche ad una maggiore velocità esecutiva” conclude Ghiotti.

 

Video-intervista disponibile qui

Leggi altre storie di copertina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche