• 18/06/2024

Zanchetta presidente di FIDA Veneto

 Zanchetta presidente di FIDA Veneto

Fida Veneto – (terzo da sinistra) il presidente Zanchetta

Riccardo Zanchetta è il nuovo presidente di FIDA Veneto, i dettaglianti dell’alimentazione

Titolare dell’omonimo caseificio e attuale presidente di categoria a Treviso, sarà in carica peri prossimi quattro anni “Gli alimentaristi tengono e dimostrano di avere un imprescindibile ruolo sociale”

FIDA Confcommercio Veneto ha un nuovo presidente: è Riccardo Zanchetta, presidente dei dettaglianti alimentari della provincia di Treviso, che subentra a Michele Ghiraldo per il prossimo quinquennio 2024-2028. Diverse le sfide presenti e future sul tavolo della categoria che riunisce e tutela le imprese che operano nel settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari (come drogherie, negozi di frutta e verdura, gastronomie e rosticcerie, pescherie, ecc.).

Un comparto che soffre più di altri la forte concorrenza della grande distribuzione organizzata e lo spopolamento dei comuni periferici e dei piccoli paesi di montagna, ma che altrove si è dimostrato resiliente e in grado di intercettare i segnali di cambiamento del mercato e di soddisfare le esigenze dei clienti.

Negozi di vicinato: soffrono le periferie e i piccoli centri montani

Spiega il presidente Zanchetta, titolare dell’omonimo caseificio e storico alimentarista di Casale sul Sile (Tv): “I negozi di stampo tradizionale hanno avuto grandi difficoltà legate non solo alla pandemia. Ora il periodo delle forche caudine è passato: quelli che son rimasti, dai panifici storici ai caseifici alle botteghe di alimentari, si sono strutturati e consolidati adeguandosi alle nuove esigenze del mercato e dei consumatori”.

Inoltre, sul piano quantitativo, a fronte di una diminuzione in parte fisiologica del comparto va sottolineato l’aspetto qualitativo: “Diminuiscono le unità locali – precisa Zanchetta – ma si amplia la dimensione. In vari casi ci sono più sedi per unità locali e anche sul piano occupazionale registriamo un aumento dei contratti a tempo indeterminato, in gran parte frutto di trasformazioni.

I piccoli alimentaristi, pertanto, hanno dimostrato tutta la loro tenuta e soprattutto ribadito il loro imprescindibile ruolo sociale”. Il quadro cambia se si sposta lo sguardo verso aree più periferiche: “In alcune zone, purtroppo, la situazione è diversa – afferma Zanchetta –.

Nelle periferie, piuttosto che nei borghi di montagna, il piccolo negozio fatica a sopravvivere tra spese burocratiche e alti costi di gestione e, se chiude, nessuno lo sostituisce. La chiusura delle attività commerciali porta alla desertificazione del centro città e a sua volta allo spopolamento: è un problema serio che intendiamo affrontare al più presto con gli organi preposti, soprattutto in Regione”.

Ricerca del personale e contrattualistica

Come già accade in altri settori, anche nel terziario di mercato e fra i piccoli negozi di quartiere è emersa la difficoltà di reperire personale, specie se giovane. Conferma Zanchetta: “È un problema endemico che non riguarda solo la nostra categoria.

Quando si vuol fare bene il proprio lavoro è necessario sacrificarsi ma questo non vuol dire ledere i diritti dei lavoratori tant’è che, dopo quasi quattro anni di trattative, è stato rinnovato il CCNL del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi anche grazie alla mediazione della presidente FIDA nazionale Prampolini”.

L’aspetto retributivo, seppur importante, non è tuttavia l’unica leva che spinge un lavoratore ad avvicinarsi o allontanarsi da un settore: “Anche la nostra filiera, così come accaduto per la ristorazione, deve essere nobilitata e riconosciuta – chiosa il presidente Zanchetta –. Siamo anche noi ambasciatori del buon cibo, della qualità del Made in Italy e di un sapere tradizionale e artigianale che va difeso e trasmesso alle nuove generazioni e ai clienti”.

Formazione e nuovo approccio imprenditoriale

Il mercato è cambiato e con esso la predisposizione del cliente nei confronti dei piccoli negozi di generi alimentari.

Una trasformazione che FIDA Veneto osservava già da qualche anno: “Dal 2015, anno dell’Expo Milano, il consumatore ha iniziato a riscoprire il valore della piccola bottega e del commercio di vicinato cambiando il suo atteggiamento.

Più attenzione alla qualità del prodotto e al servizio che viene offerto. Un trend poi confermato durante la pandemia e nel post Covid dove abbiamo riscontrato una maggiore fiducia dei clienti nei confronti dei commercianti. Ci è stata riconosciuta la serietà del nostro lavoro”, sottolinea Zanchetta.

Gli obbiettivi strategici

Se pertanto, da una parte, il consumatore riconosce il valore del buon cibo e il ruolo del negozio di quartiere, è indispensabile che anche l’imprenditore si dedichi a percorsi di formazione, di allestimento e di riposizionamento della propria attività: “L’esempio che porterò all’attenzione dei colleghi in sede di confronto regionale riguarda l’esperienza promossa da FIDA Confcommercio Treviso della Food Academy, l’Accademia del Buon Cibo.

Corsi e seminari di alta formazione per operatori del settore alimentare, pubblici esercizi e ristorazione che hanno ricevuto un ottimo riscontro – spiega Zanchetta –. L’obiettivo è intercettare e accogliere anche i turisti e le loro esigenze.

Il Veneto è la prima regione italiana per numero di arrivi e presenze turistiche. Un valore aggiunto che la nostra categoria non sta cogliendo appieno mentre invece un percorso di alta formazione permetterebbe ai nostri colleghi di acquisire le giuste competenze e di metterle a disposizione dei visitatori”. Infine, fra i propositi del neopresidente, c’è una maggiore collaborazione con le Ascom del territorio proprio sul piano della formazione affinché le strategie e le esperienze positive siano condivise da tutti gli operatori.

Fonte: Ufficio stampa Confcommercio Veneto

Leggi altro su Primo Piano – in Vetrina

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche