• 18/05/2024

Crescita del “terziario avanzato”

 Crescita del “terziario avanzato”

Nicola Bertin

Dall’indagine di Confcommercio Veneto e Unioncamere Veneto la conferma della crescita del “terziario avanzato”


“Nicola Bertin (servizi & sviluppo Confcommercio Ascom Padova): “una spinta anche dalla pandemia: adesso il settore si sta “razionalizzando”.
in veneto oltre 8mila imprese solo nell’informatica, ma a padova, il “campo ampio” dei servizi supera le 6mila unità

La definizione lascia sempre qualche margine di incertezza perchè al termine “terziario avanzato” ognuno sembra dare un significato diverso.

“Già al nostro interno – ammette Nicola Bertin, presidente di Servizi & Sviluppo Confcommercio Ascom Padova – non sempre sono chiarissimi i confini: c’è chi si limita all’informatica e chi, invece, ha una visione più ampia ricomprendendovi anche attività che potremmo definire più “professionali”. In ogni caso si tratta di un settore in deciso sviluppo”.

Una conferma arriva dalla recente indagine di Confcommercio Veneto e Unioncamere Veneto che ha raccolto i dati regionali degli ultimi tre anni rilevando che le imprese del settore terziario avanzato ammontavano a 8.003 a fine 2023 suddivise in imprese che si occupano di realizzazione di software e di consulenza informatica (53% del totale pari a 4.267 unità) e attività che gestiscono elaborazione dati, hosting e portali web /47% pari a 3.736 unità).

“L’aspetto più significativo – continua il presidente di Servizi & Sviluppo Confcommercio Ascom Padova – è che il settore continua a crescere registrando un trend positivo con un aumento del numero di sedi attive del +1,1% su base annua e del +0,6% delle unità locali dipendenti”.

Motivo?

“Diciamo che la pandemia ha avuto un ruolo – analizza Nicola Bertin – sia per quanto concerne l’espansione del settore, sia per ciò che riguarda la sua “razionalizzazione” che si può leggere nella diminuzione delle società di persone (-4,9% tra il 2022 e il 2023) a fronte di un aumento delle società di capitale che dal 2021, anno nel quale ammontavano a 2.265, sono passate a 2.297 l’anno successivo per attestarsi a fine ’23 a quota 2.354 con un aumento del 2,5% del ’23 sul ’22. Sono peraltro aumentate anche le imprese individuali (+2,4% nel raffronto tra gli ultimi due anni) segno evidente che il settore si presta ad accogliere figure professionali che si affacciano sul mercato in forma individuale per poi consolidarsi nel corso del tempo”.

“Che il mondo dei servizi alle imprese sia in costante espansione, compresi addetti e consulenti in crescita – conclude Nicola Bertin – è un dato assodato che trova riscontro anche all’interno di Confcommercio Ascom Padova.

Dove, peraltro, si associano sempre più imprenditori impegnati nella fornitura di servizi che, come dicevo all’inizio, non necessariamente possono essere attribuiti all’ambito strettamente informatico anche se dell’informatica fanno un uso consistente, non disdegnando l’uso dell’intelligenza artificiale. Si tratta di imprese di consulenza aziendale, studi di professionisti di comunicazione, di logistica, di specialisti di risorse umane, di videomaker, ecc.

Una sorta di “campo ampio” che, solo in provincia di Padova, significa qualcosa come 6 mila imprese!”

Fonte: Confcommercio Imprese per l’Italia – Ascom Padova

Leggi altro su Primo Piano – dalle Imprese venete

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

Leggi anche